paesaggi, tappe percorso gara regolarità terre di canossa





Salsomaggiore Terme, Castello di Bianello, Castelli di Matilde di Canossa, Torre di Rossenella, Val D’Enza, Pietra di Bismantova, Castelnuovo Monti, Passo Pradarena, Parco Nazionale Appennino Tosco Emiliano, Castelnuovo Garfagnana, Forte dei Marmi, Lucca, Pisa, Viareggio, Michelangelo, cave Monte Altissimo, Garfagnana, Ponti di Calatrava, Reggio Emilia, paesaggi, tappe percorso gara regolarità terre di canossa

A A A
Paesaggi

Parma: Città Ducale
Parma è una delle più belle città d'arte d'Italia: da ammirare il Duomo e il Battistero, l’imponente Palazzo della Pilotta, il Palazzo Ducale e il Teatro Regio, culla del melodramma. Grazie alla sua tradizione gastronomica e alla presenza di alcune delle più importanti industrie alimentari del mondo, Parma è anche la Sede dell’EFSA, l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare.

I castelli del ducato
Simbolo dell’epica cortese e cavalleresca, la fitta rete dei castelli parmensi costituisce un sistema difensivo esteso dal Po al crinale dell’Appennino.
I castelli, situati in posizioni strategiche, cardini del controllo territoriale circostante, in pianura sono aperti alle vie d’acqua verso il Po e l’Adriatico, mentre nella montagna sono arroccati di preferenza su guglie rocciose, a controllo degli impervi percorsi verso la Toscana e il Tirreno.
I castelli della provincia di Parma costituiscono uno degli itinerari più interessanti fra quelli che si possono consigliare a chi ama il fascino degli antichi manieri, l'arte ed anche la natura.

Le Cinque Terre: Patrimonio Mondiale dell’Umanità
Le Cinque Terre, un gioiello unico al mondo, con i cinque antichi borghi arroccati sul mare e immersi nei ripidi vigneti che da secoli offrono un nettare unico come lo Sciacchetrà.

Forte dei Marmi: il cuore della Versilia
Forte dei Marmi: una delle località marine più famose al mondo, baricentro mondano della Versilia, accoglierà i partecipanti con una serata indimenticabile sul mare.

Lago Massaciuccoli
Conosciuto già in epoca romana come lago delle Fosse Papiriane, il Lago Massaciuccoli è famoso per aver ospitato le battute di caccia del compositore lucchese Giacomo Puccini. Il lago oggi ha perso l’antico aspetto di laguna salmastra ed è considerato un tipico lago-stagno per la profondità e la salinità.

Pisa
La città di Pisa racchiude tesori di inestimabile valore il cui fulcro nasce nella Piazza del Duomo, detta anche “Piazza dei Miracoli”, nella quale sorgono il Duomo, la caratteristica Torre pendente e il Battistero. Le ricchezze artistiche di Pisa sono bensì presenti nel resto della città e nella sua provincia fra le campagne pisane.

Lucca
La città di Lucca fu dimora di grandi musicisti come Giacomo Puccini e Luigi Boccherini, mantiene ancora intatte le sue mura del XV-XVII secolo, lunghe 4.450 m. Conserva notevoli ricchezze architettoniche e artistiche, armonizzatesi nel tempo con le nuove e più recenti strutture successivamente aggiunte.
Sulle antiche mura di Lucca, sfileranno tutte le auto del Terre di Canossa.

Pietrasanta
Capoluogo della Versilia storica, Pietrasanta è un centro dedicato alla lavorazione del marmo e del bronzo d'importanza internazionale. Grazie al suo ricco e ben curato centro storico, è una vera e propria città d’ arte. Luogo di nascita del poeta Giosuè Carducci, più volte viene ricordata nei suoi versi. Pietrasanta è anche la città natale di Eugenio Barsanti, inventore del motore a scoppio insieme a Matteucci.

Le Alpi Apuane
Le Alpi Apuane, conosciute sin dai tempi della Roma Imperiale per i marmi bianchissimi, fanno da maestosa cornice a Forte dei Marmi e a tutta la Versilia.

Michelangelo e le cave del Monte Altissimo
A dispetto del nome, il Monte Altissimo è fra le più basse Alpi Apuane, ma è quello che dalla costa Tirrenica appare più maestoso. Costituito da marmi di pregiatissima qualità utilizzati da Michelangelo, fu fonte di ispirazione anche per Gabriele D’ annunzio, e venne inoltre utilizzato dai tedeschi nella seconda guerra mondiale come trincee della linea gotica.

La Garfagnana
La Garfagnana è compresa tra le Alpi Apuane e l’ Appennino Tosco Emiliano. L’ eccezionale ricchezza d’ acqua ne caratterizza il clima e l’ambiente, verde e lussureggiante, offrendo un’ampia varietà di paesaggi dalle Alpi alle quote minori in collina.

Il Parco Nazionale Dell’ Appennino Tosco Emiliano
Il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, più noto come “Parco del Gigante”, si caratterizza per la sua ricca vegetazione e la presenza di castelli, borghi e torri medievali, siti archeologici e necropoli, le terme di Quara, ville e importanti dimore storiche. Tra la pianura e il mare, si alza per un lungo tratto oltre i duemila metri, collegando l’ Europa con il Mediterraneo.

I Castelli di Matilde di Canossa
Le imponenti strutture difensive che gli equipaggi incontreranno attraversando l’Appennino, disposti lungo due linee di difesa, consentirono alla Contessa Matilde di Canossa di respingere i numerosi attacchi dell’Imperatore Enrico IV e divennero il simbolo visibile della sua autorità dopo l’incoronazione a Regina d’Italia.

Reggio Emilia: Terra di Motori, di Cultura e di Delizie Gastronomiche
Reggio Emilia, città del Tricolore, una grande città d’arte e di storia che, da sempre, rappresenta un punto fermo nel panorama culturale padano e non solo.
Il grande Teatro Valli, la Piazza Martiri del 7 Luglio, la Sala del Tricolore, ma anche gli importanti e sontuosi palazzi e i tre superbi ponti di Calatrava sono l’emblema e il vanto di una ricca, generosa e attiva città.
Fondata dal Console Romano Marco Emilio Lepido, nel 1797 ha visto nascere il primo Tricolore. Oggi è una delle province più industrializzate d’Italia. Reggio è anche la “capitale” dell’educazione dei bambini, con gli asili migliori del mondo.

I Ponti di Calatrava
Disegnati dal grande architetto Santiago Calatrava, sono la moderna Porta di accesso alla città di Reggio. Il Ponte Nord ospiterà le ultime tre prove a cronometro della gara.

La Sala del Tricolore e le premiazioni
Fu in questa sala che il 7 gennaio 1797 si riunirono i rappresentanti delle città libere di Reggio, Modena, Bologna e Ferrara per proclamare la Repubblica Cispadana, adottando il vessillo nei tre colori verde-bianco-rosso assunti poi nel 1848 come bandiera nazionale italiana. La Sala del Tricolore farà da suggestiva cornice alla Cerimonia di Premiazione.





Internet partner: Sigla.com
[www.sigla.com]